NO, NON “E’ GIORNALISMO”: DIO MIO COME SIAMO CADUTI IN BASSO…

Riportiamo dal Fatto.it questa straordinaria notizia:

«È il giornalista Mattia Feltri il vincitore della 22esima edizione del premio ” È Giornalismo”, fondato da Indro Montanelli, Enzo Biagi, Giorgio Bocca e dall’imprenditore Giancarlo Aneri. Lo ha deciso la giuria, ora composta dallo stesso Aneri, come presidente, e da Giulio Anselmi, Mario Calabresi, Massimo Gramellini, Paolo Mieli, Gianni Riotta e Gian Antonio Stella. Mattia Feltri, bergamasco, 49 anni, è figlio d’arte: suo padre Vittorio è una delle firme più conosciute del giornalismo italiano. E a questo ha fatto riferimento Giancarlo Aneri nell’esprimere la sua soddisfazione per la scelta della Giuria “perché con questo meritatissimo premio a Mattia, in fondo si dà anche un riconoscimento alla storia giornalistica familiare”. Feltri ha iniziato la sua carriera giovanissimo al Giornale di Bergamo, per poi passare al Foglio e quindi, dopo una breve parentesi a Libero, fondato dal padre, nel 2005 alla Stampa, di cui oggi è capo della redazione romana».

Avete letto bene? Adesso decifriamo la notizia:

i due maggiori editori di quotidiani monopolizzano la giuria di un premio e lo assegnano a un giornalista di batteria (la loro batteria) confermando che il giornalismo italiano è distrutto in qualità e in credibilità dal familismo e dal privilegio ereditario. In questo anticipando la peste che colpisce persino il più grosso partito italiano. E con grande faccia tosta il presidente del Premio lo dichiara pure, prendendosi beffa dei tanti giornalisti veri che affogano nel precariato, che vanno mandati a morire in zone di guerra senza nemmeno uno straccio di contratto, che sono pagati 5 euro a pezzo solo perché non sono stati assunti in ben due giornali già diretti da papà. I membri della giuria hanno compiuto un inverecondo capolavoro, ma si sono riscattati fornendoci una vera notizia: secondo loro Vittorio Feltri è un giornalista fondatore di una “storia” e non quel recordman di scurrilità, di fake news e di campagne scandalistiche fondate sul nulla o su documenti taroccati sanzionato dall’Ordine dei giornalisti (su mia denuncia) per violazione dell’etica professionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.