Cal end….. la fine dell’ennesimo liberaloide

di riccardo mastrorillo

Pensavamo di averle viste tutte, ma ci sbagliavamo. L’ennesimo sedicente liberale si è dimostrato un populista peggiore dei populisti. Quando a ottobre del 2019 dichiarò, senza vergogna “Per 30 anni ho ripetuto tutte le banalità del liberismo ideologico”, specificando che “Queste cazzate le abbiamo sostenute, io le ho sostenute, per 30 anni. E poi dice che vincono i sovranisti…”, noi non credemmo ad un sincero ripensamento. Continua la lettura di Cal end….. la fine dell’ennesimo liberaloide

Critica liberale firma l’Appello “una coalizione d’emergenza” per la Costituzione

“Coalizione d’emergenza” senza preclusioni in alternativa al progetto delle destre di stravolgere la Costituzione

Non avere cambiato la legge elettorale in tempo prima delle elezioni politiche del prossimo 25 settembre obbliga tutti a fare i conti con quella in vigore. In ogni situazione i soggetti politici debbono fare i conti con la situazione reale, altrimenti si è destinati a gravi insuccessi.

In questa tornata elettorale, a causa della ritrovata compattezza delle forze di destra e della scomposizione dell’aggregato politico e sociale realizzato dai 5 Stelle nel 2018, massimo è il rischio che nel maggioritario il centro-destra possa fare cappotto assicurandosi gran parte dei 147 seggi della Camera e dei 74 del Senato. L’esperienza delle elezioni in Sicilia del 2001 dove il centrosinistra perse per 61 a 0 ci insegna che è sempre possibile che un solo soggetto conquisti il 100% dei seggi nel maggioritario.

Gli effetti negativi di questa pessima legge elettorale, per di più, sono esaltati dal taglio di un terzo dei parlamentari, visto che in due anni non sono state approvate le modifiche della Costituzione ritenute indispensabili per arginare la compressione del pluralismo nella elezione del Senato.
Il 25 settembre ci sarà un voto unico per il maggioritario e per la circoscrizione proporzionale con liste bloccate. Se all’unico candidato della destra, si contrapporranno più candidati di altre forze politiche, l’esito sarà scontato.

A farne le spese sarebbe la Costituzione perché una rappresentanza politica, gonfiata molto a di là della volontà espressa dal corpo elettorale, avrebbe la forza necessaria per calpestare la Costituzione formale e modificarla radicalmente, introducendo il modello ungherese o polacco della “democrazia illiberale”, che tanto attrae i leader della destra, o smembrando la Repubblica tramite l’autonomia differenziata, tanto cara ai governatori leghisti. Per di più, ove la coalizione di destra conquistasse i 2/3 dei seggi, non sarebbe possibile bloccare stravolgimenti costituzionali illiberali attraverso il referendum.

Quanti ritengono che nessuna maggioranza possa cambiare da sola la Costituzione, compresi quanti in passato hanno commesso questo errore, debbono bloccare questa possibile deriva. Il solo modo è raggiungere un accordo per le candidature nell’uninominale maggioritario fra tutte le forze politiche che hanno a cuore i valori della Costituzione della Repubblica nata dalla Resistenza. Un accordo tra quanti vogliono contrastare questa destra dovrebbe avere questo punto programmatico comune: la difesa e l’attuazione della Costituzione. E’ indispensabile ed urgente dare vita ad una coalizione d’emergenza senza preclusioni per nessuno. La diversità verrà misurata nel proporzionale, dove ciascun soggetto politico si presenterà con il proprio programma specifico, e senza dubbio in questa sede torneranno centrali le grandi questioni della pace e del disarmo, della lotta al cambiamento climatico, centrata sulle fonti rinnovabili, del contrasto alla crescita delle disuguaglianze e dell’urgenza di interventi sul lavoro sulla sua tutela. Nel proporzionale ciascuna lista o coalizione verificherà i consensi sulle sue posizioni.

All’interno di questa coalizione le forze che hanno maggiore omogeneità politica possono concordare un programma di governo, attivando nel proporzionale una competizione con le altre forze nella chiarezza dei fini e degli obiettivi programmatici.

La crisi del governo Draghi non può essere un alibi per non fare questa scelta di coalizione nel maggioritario, che deve comprendere anche il M5Stelle e le nuove aggregazioni a sinistra.

Se in gioco c’è il futuro del nostro paese e la stessa democrazia  regolata dalla nostra Costituzione la risposta deve superare di slancio pregiudiziali e diversità, avendo di mira soltanto il bene supremo della Repubblica.

Roma, 3 agosto 2022

L’ Appello può essere firmato su change.org https://chng.it/WFRWyZWzFc

Pietro Adami
Mario Agostinelli
Gaetano Azzariti
Francesco Baicchi
Anna Falcone
Antonio Floridia
Raniero La Valle
Domenico Gallo
Alfiero Grandi
Silvia Manderino
Francesco Pallante
Livio Pepino
Antonio Pileggi
Maria Ricciardi Giannoni
Massimo Serafini
Massimo Scalia
Massimo Villone
Vincenzo Vita
Mauro Volpi

 

DIGERIRE SASSI PER UN FINE PRIMARIO

Mi pare che il dibattito elettorale si stia ingolfando in un grosso equivoco. Lo so che il sistema elettorale (incostituzionale o comunque pessimo) voluto da Renzi-certamente non aiuta, ma è quello vigente. E allora tutti devono prendere atto di alcuni punti difficilmente digeribili, ma nella storia politica di un paese si possono creare delle congiunture eccezionalmente pericolose e complesse che richiedono grande realismo e determinazione. E si devono mandar giù anche i sassi.

1.Nessuno può contestare il dato di fatto che dal 2019 la Destra , secondo tutti i sondaggi, è largamente maggioritaria e che addirittura il suo asse portante si è spostato da un moderatismo imbroglione a un estremismo pericolosissimo sia in campo internazionale (ambiguità massima nei confronti dell’imperialismo russo, opposizione ad un Europa federata, orbanismo dichiarato) sia in campo istituzionale (presidenzialismo, separatismo, antiparlamentarismo, velleità di modifica della Carta costituzionale), sia in campo sociale (difesa dei privilegiati, protezione giuridica di corrotti e corruttori, pancia fascista e razzista, abrogazione anche delle poche tracce esistenti di stato sociale, negazione di molti diritti civili e di tutte le conquiste degli ultimi decenni ottenute dalle donne).

2.Da anni l’astensionismo è divenuto patologico. Metà degli italiani giustamente si trova di fronte

a) una moltitudine frazionata di forze politiche in mano ad avventurieri che si intestano schegge di ceto politico trasformista ma non rappresentano né interessi né valori;

b) una classe politica mai così mediocre, opportunista, incapace, dedita ai propri interessi di casta;

c) l’assenza di una vera offerta politica chiara e non contraddittoria. A sinistra come a destra. E ciò può apparire paradossale perché è diventato illimitato il numero di sigle e di leaderini a capo di truppe mercenarie…

  1. Il paese è in una crisi profondissima, sociale, politica, internazionale, sanitaria, culturale, demografica. Si ritrova senza timonieri, né bussole politiche, con uno stato sociale miserando e questioni intricate come quella degli immigrati stranieri e degli emigranti italiani.

Se questi sono i fatti incontestabili, siamo sbigottiti di fronte all’incoscienza del Centro, del Centrosinistra e della Sinistra.

Quando la casa brucia, tutti devono unirsi per spegnere il fuoco. Ma ognuno deve sapere che ha una sua parte da svolgere. Se tutti si ammucchiano uno sull’altro, strappandosi slogan e luoghi comuni, confondendosi a vicenda, se ognuno tira a sé la coperta e pretende che tutti gli altri accettino il suo programma, le sue pregiudiziali e i suoi veti, la sconfitta è certa.

L’Italia e l’Europa hanno conosciuto momenti gravi, quando fu messa in pericolo l’esistenza stessa delle istituzioni e delle popolazioni. Churchill ha combattuto con Stalin contro il nazismo senza diventare stalinista. Croce si è seduto accanto a Togliatti e De Gasperi nel CLN per ricostruire l’Italia distrutta dal fascismo, ma non per questo è diventato comunista o clericale. In quel momento, essendo dei veri politici, alcune personalità che avevano visioni del mondo anche contrapposte si sono riunite assieme perché avevano chiari gli obiettivi ultimi e il metodo giusto: l’unità non si indebolisce ma si arricchisce con la diversità.

Basta che le politiche e le differenziazioni siano chiarissime e l’unità sia legata a un fine ultimo dichiarato.

Occorre presentare agli elettori un solo programma pregiudiziale: no all’estrema destra, sì alla difesa della Costituzione e dell’assetto costituzionale liberaldemocratico, sì a una vera Europa federata, autonoma sul piano politico, militare, energetico. Saranno poi gli elettori a scegliersi le sue sfaccettature preferite, a fuoco spento.

  1. A complicare le cose c’è un equivoco di fondo, irrispettoso e falsificatore degli ultimi mesi di storia patria: Mattarella, preso atto che non esisteva una maggioranza politica per un nuovo governo, nel febbraio 2021, affidò a Draghi un Esecutivo, composto di tecnici e di rappresentanti di quasi tutto l’arco costituzionale, che giustamente prese il nome di Unità nazionale, perché a sostenerlo erano tutte le forze politiche, meno i meloniani. Il fine dichiarato era quello di affrontare due emergenze impegnative, quella sanitaria e quella economica (vedi messa in opera del PNRR). Poi se ne aggiunse una terza, terribile, l’invasione dell’Ucraina. Fummo in molti a salutare favorevolmente la nascita del governo (come lo eravamo stati per il Conte2) perché scongiurava il pericolo di elezioni e quindi la vittoria della destra con un anticipo di più di due anni. Le cose sono andate come sono andate. I 5s hanno tirato la corda pretendendo di trasformare il governo emergenziale in un governo politico che accettasse le 9 pagine del suo programma, le destre hanno sfasciato tutto avanzando la richiesta improponibile di trasformare il governo di Unità nazionale in un governo Pd-Lega-Fi. Un pretesto ben trovato per arrivare al “Meloni subito”, facendo pagare al paese cari prezzi, ma chissenefrega del paese…

5.Oggi condurre la campagna elettorale, e comporre le liste, all’insegna dell’”Agenda Draghi” è sbagliato sia perché quell’agenda era un programma di compromesso tra tutte le forze politiche anche le più diverse, sia perché era emergenziale e quindi temporaneo per definizione. I partiti ora hanno l’obbligo di presentare un programma di legislatura, devono offrire soluzioni per problemi che Draghi non avrebbe potuto neppure affrontare perché non gli competevano. Se alcune liste vogliono adornarsi del nome di Draghi e della sua Agenda, sono padronissimi di farlo, sarà questo il loro contributo. È consigliabile e auspicabile che altre liste presentino altre basi programmatiche e cerchino altri ceti di riferimento. La coperta va ampliata non ridotta alla Agenda Draghi, che non era neppure un programma politico, e fa parte ormai di una storia passata. Ricordiamoci che Draghi ha avuto il gravoso compito di governare col sostegno necessario proprio di quella destra che ora va sconfitta. L’ agenda Draghi era comprensiva delle esigenze della destra.

  1. Quindi il consiglio è semplicissimo: fate di tutto per evitare al paese un trauma che sarebbe gravissimo, forse irreversibile. Compratevi un pallottoliere e fatevi bene i conti: state attenti al contesto che ci dice che non è il momento di rimproverare al Pd le sue velleità egemoniche e il suo sinistrismo destrorso, come non è il momento di rimproverare al M5s il suo trasformismo, opportunismo, dilettantismo, ma di valutare bene se il suo tot per cento è determinante per vincere o perdere, e semmai cercate garanzie, per quel che valgono. Certo, lo sappiamo tutti che il M5s è inaffidabile, ma Calenda non lo è? E Renzi? Forse è affidabile lo stesso Pd, con tutti i suoi inciuci e nazareni vari? Il M5s è trasformista? Certo, ma i calendiani, i renziani e i boniniani non sono forse trasformisti incalliti?
  2. Mettete in azione la fantasia e fate accordi interni ed esterni, ma soprattutto ponete all’elettorato una distinzione ben netta tra il fine primario per il raggiungimento del quale l’unità di forze anche molto eterogenee si pone come necessità storica e il compito non secondario ma logicamente successivo che è quello di un buongoverno che non può più essere fatto di compromessi paralizzanti e di ambiguità sui grandi temi. Per il fine primario è necessario che nei collegi uninominali al candidato dell’estrema destra si contrapponga una sola alternativa, e che nessun voto sia disperso. Non sappiamo se il Pd ce la farà a riempire il suo vuoto, a cancellare il renzismo e il consociativismo che sono nella sua natura. E, sul piano dei contenuti, non sappiamo ancora se il Pd di Letta, oltre a pagare a caro prezzo i capitani di ventura o i capetti dei cespugli della palude centrista, rifletterà sulle spaventose percentuali che ha regalato all’astensionismo. Non sappiamo ancora se – fatto tutto il possibile per raggiungere il fine primario – si metterà fin da subito a tessere un centrosinistra che sia plurale e quindi in grado di coinvolgere culture e valori differenti ma tutti indirizzati a un progetto politico di liberaldemocrazia e socialismo moderni. Costituzione alla mano. Ma non siamo ottimisti.

 

 

 

Bergoglio si candida!

di dada knorr

Ammiccava già da alcuni mesi a sue possibili dimissioni dal mestiere di papa, che gli stava stretto, e noi ci chiedevamo: ma perché dichiara sempre di non essere proprio a suo agio nel ruolo di Papa, se poi gli piace tanto rilasciare interviste in aereo?
Ed ora abbiamo capito: alloggiare a Santa Marta era solo un passo verso Montecitorio.
Bergoglio ha infatti annunciato oggi l’abbandono dell’anello del pescatore, “voglio pescare voti” ha dichiarato. Le prospettive sono rosee, grazie alla campagna già da tempo iniziata come leader politico: con la “Laudato sii” infatti aveva fatto concorrenza a Greta, rivendicando la paternità dell’ecologismo “integrale” ai francescani e seppellendo in un colpo solo i Verdi, con la “Fratelli tutti” aveva poi preso il podio no global, scalzando l’internazionalismo socialista, e rendendo assolutamente Retrò tutto il discorso catto-capitalista dei precedenti papi nelle loro encicliche piacione, da Leone XIII a Woytjla.
Gli intellettuali post comunisti non stanno più nei panni, avendo da tempo desiderato un leader politico di nome Francesco ma sino ad ora essendo stati esauditi solo da Cossiga.
Conte si pente amaramente di aver citato Bergoglio nella sua lettera a Draghi (del resto tutti lo citano perché fa voti dal vuoto meglio che a Cana).
Adesso, come in Formula 1 e nei giochetti furbetti di Renzi, Bergoglio invece fa il classico sorpasso gradasso: si candida con una lista che inneggia all’umanesimo, “Fratellanza Universale Religiosa Buona e Innovativa” col programma di:
-recarsi a Kiev non appena Putin si stancherà di fare il sovietico, per prendersi il merito della trattativa fregando Erdogan, il suo competitor
– tapezzare la cupola di San Pietro di pannelli solari riflettenti che accechino Letta quando apre le serrande
-convertire Grillo, che prenderà il saio ben presto propenso come è al look originale
-rimettere Draghi alla BCE così compra un bel malloppo di debito italiano prima che faccia il botto
-riformare il Titolo II della Costituzione e governare con uno staff di vescovi delle favelas
-disarmare l’esercito lasciando però in attività i cappellani militari
-sposare qualche coppia LGBT+ in cappella Sistina, dopo averla battezzata
-esorcizzare la Meloni, spruzzandole acquasanta che lei tenterà invano di parare con quel bracciale di due kili de fero che indossa di recente
-un viaggio in Cina per accordarsi sulla gestione del continente nero
-ritirarsi in Argentina prima che qualcuno gli offra un caffè corretto

…che dire? una strategia mediatica gesuita sempre vincente e che sicuramente farà tornare il Paese all’unità nazionale tanto agognata!

dada knorr