“La Presidente del Senato della Repubblica Maria Elisabetta Alberti Casellati: Renzi scelga tra Senato della Repubblica e promozione dell’Arabia Saudita”

Gentile Presidente, 

incombe al Senato che Ella presiede, il diritto e il dovere di imporre al senatore Matteo Renzi la scelta tra la sua appartenenza al Senato medesimo o ad organismi promozionali di altri stati a cui, per sua ammissione, pure appartiene.

Non occorre alcuna nuova legge e nemmeno apposito regolamento parlamentare perché egli sia tenuto ad ottemperare a tale obbligo. Esso si evince dall’art. 67 della Costituzione secondo cui “ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione” e dal art. 54 che statuisce che “I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore”. Nemmeno le procedure giudiziarie che lo riguardano, come la natura dei governi al cui servizio egli si è posto, aggiungono o tolgono alcunché a tale obbligo che evidentemente esclude ogni doppia appartenenza.

È da osservare, infine, che diversi uomini di governo di altri stati – ad esempio, Tony Blair e Gerhard Schroeder – hanno assunto incarichi analoghi, ma sempre successivamente alla scadenza dei loro mandati parlamentari e di governo. Ne deriva che il perdurare dell’attuale posizione del senatore Renzi costituirebbe un negativo precedente per tutti gli stati democratici che si rifletterebbe sul rispetto anche internazionale che merita il Senato della Repubblica italiana. Tanto più negativo in occasione  dell’elezione del Presidente della Repubblica che richiede a ciascun parlamentare decisioni in rappresentanza e a servizio di una e una sola Nazione.

Gian Giacomo Migone, Luigi Ferrajoli, Tana de Zulueta, Nadia Urbinati, Francesco Pallante, Anna Falcone, Marco Revelli, Tomaso Montanari, Marinella Venegoni, Domenico Gallo, Alfonso Di Giovine, Dora Marucco, Alfiero Grandi, Enzo Marzo, Vittorio Bellavite, Mario Bova, Alberto Bradanini, Anna Chiarloni, Ino Cassini, Roberto La Macchia, Michela Di Macco, Giorgio Ardito, Rossella Guadagnini, Massimo Follis, Elisabetta Grande, Enzo Mattina, Vanna Lorenzoni, Livio Pepino, Cesare Antetomaso, Fabrizio Tonelli, Dario Togati, Andrea Berlingieri, Susanna, Braccia, Massimo Napoleone, Giancarlo Cerruti, Stefano Bonaga, Mauro Campus, Anna Viacava, Aurora D’Agostino, Amedeo Cottino, Roberto Di Leo, Silvia Manderino, Alfio Mastropaolo, Paolo Solimeno, Giovanna Scollo, Carmelo Picciotto, Luciana Nardelli Di Leo.

 Puoi saperne di più e leggere la petizione qui:
https://chng.it/WzGG49HdbH

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.