BONINO, RADICALI, E L’”ITALIA ALLA ROVESCIA”

Da molto tempo c’erano prove irrefutabili del consolidato opportunismo e trasformismo di Emma Bonino, ma che lei si metta ora, assieme con altri radicali da burletta, a smantellare con fervore e sistematicamente persino la memoria storica dei primordi della storia radicale, ci pare davvero un’infamia un tantino esagerata. Ci rendiamo conto che  non sono in moltissimi a non arrendersi allo straripamento dell’”Italia alla rovescia”. E a non diventare Kapò. Eppure ci meravigliamo ancora quando oninoB e i suoi ilacidar, ex abortisti e laici (persino anticlericali), danno il loro voto (peraltro neppure richiesto, così aggratis, solo per devozione politico-ideologica) alla ciellina clericale e antiabortista Cartabia. Ci ridà il buon umore soltanto il pensiero della reazione, fiorita d’improperi toscani, di Ernesto Rossi. Ovviamente dall’Inferno. Per non dire del giudizio delle ossa di Salvemini, Galante Garrone, Calamandrei, Ada Rossi, Adele Faccio, milioni di donne, e via dicendo… Ma sono giudizi che non arrivano a destinazione perché nell’”Italia alla rovescia”, nell’Italia delle oninoB e dei suoi ilacidar, non si sa neppure cosa sia la vergogna.

enzo marzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.