CHE CONFUSIONE A CASA BECHIS…

di enzo marzo

Come esistono gli “Stati canaglia”, quelli che non rispettano affatto le regole internazionali, si dilettano a giocare con le bombe atomiche e minacciano quotidianamente il mondo, quelli , insomma, tanto amati da Razzi, così esistono i giornali sciacalli: sono quelli che ogni giorno dimenticano di informare i propri lettori delle principali notizie e sparano in prima pagina titoloni a 9 colonne che un tempo si usavano per annunciare lo scoppio di una guerra mondiale. Invece i giornali sciacalli ogni giorno ripetono sempre lo stesso annuncio: Conte ha le ore contate, governo disastroso, provvedimenti rovinosi, il futuro sarà agghiacciante, togliamo ai poveri – che intanto sono già poveri – per dare ai ricchi che non sono invece abituati alla povertà, l’Europa fa schifo comunque, la maggioranza litiga ogni minuto, evviva l’opposizione, vogliamo l’Uomo della Provvidenza e che si diano delle Poltrone a Salvini, che è “a rota”. Tutto qui.

Tra i giornali sciacalli c’è una certa rivalità:

Belpietro, che ha il dente avvelenato con “Libero”, è nettamente in testa sia in cialtronaggine sia nell’amore che dimostra per Salvini. Feltri cerca di arrancare dietro e dà la parola persino a uno come Becchi. Il povero Sallusti ogni tanto si ricorda di rappresentare l’ala meno estremista della destra e cerca di trattenersi, ma le viscere sono le viscere e quindi non sempre ci riesce. Un caso patetico è quello del “Tempo” di Bechis. Il “Tempo” per decenni fu quasi sempre il giornale dei colonnelli in riposo, rancorosi nostalgici ma democristiani nella cabina elettorale. Ci pensò poi Gianni Letta a distruggere il suo parco lettori. Ora il suo direttore, Bechis, pensa che la salvezza sia nell’imitazione di “Libero”, i titoli sono gridati, la scrittura è sguaiata, la linea è data da Luigi Bisignani, pregiudicato, radiato dall’Ordine dei giornalisti e piduista 2 e 4. Una specie di maestro di Renato Farina, il celebre “Betulla”.

Non è facile, lo riconosciamo, per Bechis farsi largo in questo parco di sciacalli, avvoltoi e corvi. Lui deve per forza sgomitare: così ce la mette tutta nello stroncare il governo. Distraendosi persino da Virginia Raggi. Ma il meglio di sé lo dà se è creativo. Oggi, per esempio, si dimentica di informare i lettori di piccoli problemi come rapporto con l’Europa, eurobond, mes, andamento del coronavirus, conferma dello stato d’emergenza, ecc. e dedica tutta testata della prima pagina ai cani:

“Meno considerati dei cani

NON È UN PAESE PER BAMBINI

Siamo al paradosso totale – La sgambata con Fido è sacra e i piccoli restino pure reclusi”

Evidentemente c’è molta confusione a casa Bechis: non si riesce a comprendere la differenza tra i bisogni di un cane e quelli di un bambino… Quando Fido con ogni mezzo fa capire al Padrone Bechis d’avere una necessità impellente, questi lo prende per la zampa e lo accompagna al bagno di famiglia… Quando il figlio piccoletto sente la stessa urgenza, Papà Bechis gli mette il guinzaglio e lo porta per strada, al più vicino alberetto. Finalmente non più recluso…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.