PER UN EFFETTIVO STATO SOCIALE

Lo stato sociale è un argine al populismo. All’incontro degli Stati Generali del liberalismo (vedi programma sul numero del Nonmollare qui allegato) se ne discuterà con economisti e personalità della politica italiana e non solo italiana in occasione di una nuova pubblicazione del celebre Report di William Beveridge, con un’introduzione di Giovanni Perazzoli. La proposta politica ruota intorno a un punto forte: che cosa ci può dire ancora l’universalismo liberale di William Beveridge? Occorre prendere atto che Beveridge ha effettivamente cambiato la società europea. Nonostante i decenni passati dalla sua pubblicazione esiste ancora la tendenza a credere che lo stato sociale sia semplicemente un modo di tamponare la povertà. Con la sua relazione, l’economista Gianfranco Viesti pone dunque la domanda da cui dobbiamo partire: lo stato sociale è solo una risposta passiva alla povertà, oppure è una risposta attiva che si è dimostrata capace negli anni di potenziare l’ascensore sociale? Sulla questione discuteranno delle personalità che hanno in comune, su questi temi, grande esperienza e grande competenza: Giorgio Benvenuto, Rosy Bindi, Roberta Carlini, Alessandro Roncaglia, Graham Watson.
Gli Stati Generali del Liberalismo sono dunque dedicati a un tema liberale, che l’opinione pubblica fatica però a classificare come liberale. Sul tema della povertà occorre tornare a riflettere dopo l’introduzione anche in Italia di un reddito di cittadinanza sul modello europeo. È una riforma che soffre senza dubbio di una certa improvvisazione, ma contro il quale si sono scatenati dei pregiudizi che nascono dalla storia italiana, sia della destra e che della sinistra. Siamo ancora lontani dal modello sociale europeo. Occorre impedire che la povertà venga confinata di nuovo ai margini. Nella prospettiva di Beveridge, lo stato sociale che funziona è una risposta attiva in chiave liberale, sempre che del liberalismo si abbia un’idea coerente con la sua storia e con i suoi ideali. L’universalismo ha cambiato il volto dell’Europa: ma che cosa c’è ancora da fare in Italia? Il fallimento delle risposte demagogiche e populiste impone di riflettere sul successo decennale del modello sociale europeo. Oggi il concetto di povertà non è più quello degli inizi del 900. La povertà non è più vista come un fallimento individuale, ma come un fallimento dell’amministrazione pubblica. Dal punto di vista concettuale, l’universalismo ha mutato l’idea di povertà, riconoscendo che la povertà non è solo un problema morale o di “buona volontà”: è un problema che può essere affrontato, secondo Beveridge, in chiave scientifica, senza demagogia. L’origine della povertà nasce infatti da una mancanza che si trova a monte e che non può essere risolta a valle aiutando “i poveri”. Lo stato sociale deve intervenire prima che la povertà si determini nei suoi effetti estremi. Il punto su cui occorrerà ancora riflettere a proposito del Report di Beveridge è che l’universalismo liberale taglia il rapporto di dipendenza del povero dal potere, limita il potere dal punto dii vista della sua capacità di creare clienti e consenso e valorizza l’individuo. Lo stato sociale è una parte essenziale della rivoluzione liberale.
Critica liberale

NONMOLLARE N. 110

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.