PEGGIO LA TOPPA DEL BUCO

Il ministro dell’istruzione e del merito, riferendosi alla punizione che merita lo studente che ha tirato un pugno alla sua professoressa, dichiara (i giornali riportano tra virgolette): «Soltanto lavorando per la collettività, umiliandosi [csv nostro] anche – evviva l’umiliazione che è un fattore fondamentale nella crescita e nella costruzione della personalità – di fronte ai suoi compagni, lui si prende la responsabilità dei propri atti.» La superficialità pedagogica del ministro della scuola ha suscitato un putiferio. Ora, che una punizione consistente nello svolgimento di un lavoro socialmente utile sia pedagogicamente più efficace di una sospensione, della quale gli studenti maleducati si fanno baffo, ci può stare, ma l’umiliazione è educativa? Soprattutto, favorisce la giusta crescita del cittadino? Sì, se si vuole che il futuro cittadino sia educato ossequiente al potere e, più che rispettoso delle regole, impari a stare al suo posto. Guarda caso, il ministro si riferiva non solo ai bulli e ai violenti, ma anche agli occupanti delle scuole.

A seguito degli attacchi, il ministro si è difeso scrivendo ai giornali (cfr la Repubblica 26 novembre): «… nel mio pensiero, e nelle mie parole, è decisivo l’uso riflessivo del verbo, ho detto … “umiliandosi”, non “umiliandolo”. È dunque il protagonista stesso che si fa umile …» A parte che non si capisce perché un lavoro socialmente utile debba essere fonte di umiliazione, il ministro ritiene che umiltà e umiliazione, umile e umiliato, siano sinonimi e per un ministro dell’istruzione non c’è male. Peggio ancora, il ragazzo punito dovrebbe “umiliarsi” per conto suo, ma in conseguenza di una sanzione disciplinare irrogata dall’autorità scolastica. Siamo tra l’autodafé e il bullismo di Stato.

valerio pocar

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.