HABEMUS PAPAM

di attilio tempestini

La nota frase, che dà notizia dell’elezione di un pontefice, calza anche per indicare la diffusa tendenza nella politica italiana a mostrare di avere, dalla propria parte, il papa (e con lui la religione cattolica).

Papa Bergoglio prende posizione contro la guerra, che la Russia muove all’Ucraina? Coloro che a loro volta sono contro mettono in rilievo tale convergenza, di posizioni. Papa Bergoglio appare peraltro piuttosto tiepido, sull’invio di armi all’Ucraina? Coloro che a loro volta sono tiepidi, o addirittura contrari, sottolineano questo atteggiamento pontificio.

Senza dubbio è nell’ordine delle cose, che ad una persona e più in generale ad un partito politico faccia piacere se le proprie idee non restano isolate. Quando, però, si attribuisce un gran peso al fatto che un determinato soggetto le condivide, sembra quasi che sia questa condivisione a dare validità ed autorità a tali idee. Continua la lettura di HABEMUS PAPAM

USCITA LA NEWSLETTER N. 05/2022 DI ITALIALAICA

Il sito dei laici italiani vi segnala:

Editoriale
HABEMUS PAPAM
Attilio Tempestini 28.04.2022
La nota frase, che dà notizia dell’elezione di un pontefice, calza anche per indicare la diffusa tendenza nella politica italiana a mostrare di avere, dalla propria parte, il papa (e con lui la religione cattolica).
Papa Bergoglio prende posizione contro la guerra, che la Russia muove…


Articoli
LA RISPOSTA NON-VIOLENTA NON SI IMPROVVISA
Paola Ginesi 25.04.2022
PER UNA CULTURA DI PACE (1)
L’attuale crisi geopolitica, sociale, economica, ecologica, culturale deve esser letta in un’ottica più ampia, non può esser vista come una sconfitta di chi lotta per un mondo diverso, ma come un richiamo alla “controffensiva”, all’impegno a tutto…


Articoli
LA GUERRA
Ileana Montini 20.04.2022
Un militante di Rifondazione comunista ha postato -sul suo profilo Facebook- alcune foto con soldati russi che giocano al pallone con bambini ucraini in un territorio occupato. Ecco cosa fanno i soldati russi in Ucraina, ha commentato! Non sono così terribili, così senza cuore come i media… Continua la lettura di USCITA LA NEWSLETTER N. 05/2022 DI ITALIALAICA

TRANSIZIONE ENERGETICA IL PRIMO INCONTRO DI “PIATTAFORMA TEMATICA”

Dalla collaborazione tra la Fondazione Critica Liberale e il presidente della Commissione Agricoltura della Camera, Filippo Gallinella, nasce ‘Piattaforma Tematica’, un luogo per affrontare e dibattere i grandi temi dell’attualità, aprendo a riflessioni e spunti risolutivi. L’approccio di “Piattaforma tematica” si basa sull’empirismo, mai su vuote teorie astratte, priva di preconcetti, con un confronto basato su dati concreti, sui fatti,sulle diverse opportunità e opinioni. Continua la lettura di TRANSIZIONE ENERGETICA IL PRIMO INCONTRO DI “PIATTAFORMA TEMATICA”

UNA BRUTTA STORIACCIA AL CORRIERE

di massimo alberizzi ed enzo marzo

Altra brutta storiaccia al Corriere della Sera. Dopo le accuse di commistione informazione pubblicità, denunciate anche da noi di Senza Bavaglio, dalla Società Pannunzio e da Critica Liberale, un’altra tegola non risparmia la direzione di Luciano Fontana e il suo team nella sala comando: la giornalista della Redazione Romana, Monica Sargentini, è stata sanzionata con tre giorni di sospensione dal lavoro nonché dallo stipendio.

Continua la lettura di UNA BRUTTA STORIACCIA AL CORRIERE

Una Presidente “in quanto donna”. Va bene anche la Le Pen?

de L’ingenuo Bertoldino

Nel cielo della politica mondiale rimbomba ancora l’eco dell’appello struggente, lanciato a inizio anno da Dacia Maraini per l’elezione di un presidente della Repubblica donna. Non “una donna perché” bensì “una donna in quanto tale”, probabilmente in base all’indiscutibile principio da Corrierino dei Piccoli (o da Huffington Post/GEDI) “un po’ per uno non fa male a nessuno”. L’assunto, ispirato ad apprezzabili principi corporativi, che vedeva la nota letterata promotrice circondata da uno stuolo di colonne del pensiero politico – dalla comica Luciana Litizzetto, imbolsita dalla frequentazione di Fabio Fazio, alla sovreccitata Sabina Guzzanti, alla vestale del politicamente corretto Serena Dandini (e ancora ci si domanda la ragione per cui era stata esclusa Iva Zanicchi) – intente a promuovere candidature entusiasmanti in quanto di assoluto livello: la protesi pannelliana Emma Bonino, parlamentare europea con i soldi di Berlusconi, Emma Cartabia, guastatrice della giustizia per conto di Comunione e Liberazione, Elisabetta Casellati, pizzi e falpalà scarrozzati su aerei di Stato, Letizia Brichetto, vulgo Moratti per millantare un pedigree imprenditoriale che le prove fornite in svariati incarichi pubblici si sono premurate di sconfessare, Anna Finocchiaro, cultrice delle scorte come status symbol nello shopping all’Ikea e – per finire – Rosy Bindi, la simpatica perpetua in pensione della sinistra DC. Tutti personaggi che confermano l’esistenza di una sezione al femminile della Casta. Ossia la corporazione del potere trasversale che considera la politica un ascensore sociale per carriere individuali. La sub-Casta in rosa che non si perita minimamente di proporre un’idea al femminile di politica (dunque economica, sociale e mediatica). Uome, nell’attuale eclisse del femminismo come alternativa alla millenaria egemonia patriarcale; che nella fase terminale del NeoLib rampante cancella la dimensione collettiva seguendo l’immortale insegnamento della uoma Margaret Thatcher, secondo cui “la società non esiste”, sicché alla ragazza in carriera rimangono solo due modelli: la donna “più maschio del maschio” e la “bambola gonfiabile per uomini soli”.

Continua la lettura di Una Presidente “in quanto donna”. Va bene anche la Le Pen?

DUE TITOLI

‘Macron ha fatto una campagna piena d’errori. A sinistra più lo vedono, meno vanno a votarlo. Le Pen ha costruito una credibilità empatica’.

Cosi si conclude la campagna elettorale del “Fattoquotidiano” a favore dell’estrema destra fascista francese. (Meno male che Furio Colombo ancora resiste contro il rossobrunismo).

È partita la marcia della pace: 10mila in corteo. Padre Zanotelli. “Noi filo-Putin? Un’oscenità. Diciamo: fermatevi, non giochiamo con la vita”.

Sì, è una vera oscenità essere filo Putin e coprirlo con l’ipocrisia. Ma le parole poi sfuggono dalla bocca, come quel “fermatevi” rivolto ugualmente (sia sia = né né) a entrambi i protagonisti del conflitto. Come se gli ucraini continuerebbero a combattere (ma contro chi?) se i russi la finissero di invadere e di aggredire…

FIAP – 25 Aprile, 77° Anniversario della Liberazione dell’Italia, dell’Europa dal Nazifascismo.

Carissimi Amici quest’anno Vi aspettiamo

in occasione del 25 Aprile 2022, 77° Anniversario della Liberazione dell’Italia, dell’Europa dal Nazifascismo.

Ci riuniremo a Largo Argentina Insieme alle Associazioni Partigiane: ANPC (Associazione Nazionale Partigiani Cristiani),  ANED Associazione ex deportati,  ANFIM Associazione Nazionale Famiglie Martiri delle Fosse Ardeatine, FIVL (Federazione Italiana Volontari della Libertà), l’Associazione Cristiana Ucraini in Italia 

Continua la lettura di FIAP – 25 Aprile, 77° Anniversario della Liberazione dell’Italia, dell’Europa dal Nazifascismo.

USCITO IL N. 106 DI “NONMOLLARE” – SCARICABILE GRATIS QUI – e anche su www.ilfattoquotidiano.it

per scaricare il pdf di NONMOLLARE clicca qui e anche su www.ilfattoquotidiano.it –  la trappola del negazionismo – dal covid all’ucraina. i pregiudizi fanno negare l’evidenza

Sommario
25 aprile
3. pierfranco pellizzetti, a proposito di pacifismo e resistenza: il 25 aprile mistificato
5. antonio caputo, l’anpi non ha il monopolio della resistenza – ritrovare il significato patriottico e neorisorgimentale della liberazione!
in tempo di guerra
8. paolo bagnoli, resistere, riflettere e progettare
10. franco grillini, la mobilitazione contro il razzismo omofobo di kirill e putin
13. angelo perrone, la trappola del negazionismo. dal covid all’ucraina
16. niccolò rinaldi, la lezione di gandhi e di mazzini – i limiti della non-violenza
appello
18. per un “comitato per il no sui referendum sulla giustizia”
res publica
20. maurizio fumo, non aspettiamoci miracoli dalla riforma cartabia
23. tebaldo di navarra, il silenzio degli innocenti
26. giuseppe del zotto, il voto ponderato: è ora [con postilla di e.ma.]
lettera
24. lettera a draghi e franco
cronache da palazzo
25. riccardo mastrorillo, sistema francese o una innovazione?
diverso parere
34. raffaello morelli, se ribalta la realtà, l’occidente si rinnega
4. quinta colonna
9-12-15-26. bêtise
38. comitato di direzione
39. hanno collaborato

LETTERA DA VICHY CON AMORE

di enzo marzo

13 aprile 2022 Dalla rubrica delle Lettere del “Fatto quotidiano”:

TITOLO: I POTENZIALI VANTAGGI DELLA VITTORIA DI LE PEN

Ben venga la vittoria della Le Pen se si realizzeranno i tre punti seguenti: scioglimento della Nato e realizzazione di un esercito europeo; inclusione di Russia, Ucraina, Bielorussia e Turchia nella Ue; denuclearizzazione militare di tutta l’Europa tranne di Francia e Russia, garanti nucleari dell’unione. Con Xi Jingping e Trump non ci sono alternative per la prosperità e sicurezza dell’unione europea. Pietro Monfardini

Interpretando la linea politica del “Fatto”, un lettore traccia da vero statista il futuro dell’Unione Europa dopo l’auspicata vittoria di Le Pen. E il giornale pubblica, titolando e mancando di chiosare. Siamo veramente ammirati. Ma la fotografia potrebbe essere ancora più nitida: se vincessero gli eredi di Pétain, potremmo avere noi europei ben altri vantaggi, oltre a quelli citati. A parte la soddisfazione di avere finalmente con noi tre autocrati come si deve, della scuola fasciocomunista, l’arricchita nuova Unione Europea farebbe un salto in avanti di civiltà, dal post-illuminismo al pre-medioevo. Pensate una bella “Direttiva europea” che estenda a tutti la legge sulla stampa della Russia (pallottole in faccia comprese) oppure l’uso del veleno per risolvere i problemini della concorrenza politica, oppure l’introduzione obbligatoria dei severi usi e costumi turchi. Potremmo persino denazificare la Svezia. E via blaterando. Saremmo anche più sicuri, garantiti dalle bombe atomiche della fascista francese e del neo stalinista russo, nel caso che gli Stati Uniti ci aggredissero… Vorrei tanto essere francese per precipitarmi a votare a favore di Le Pen, assieme ai giornalisti del “Fatto”.

 

ZELENSKY E GLI ITALIANI

di enzo palumbo

      Ora che il Presidente dell’Ucraina ha percorso pressoché tutti gli altri schermi televisivi dell’universo mondo, possiamo fare mente locale alla peculiarità del discorso che Zelensky ha rivolto ai parlamentari italiani, allorché ha ringraziato calorosamente per l’aiuto umanitario e morale, ma si è ben guardato dall’invocare esplicitamente un aiuto militare, senza neppure fare alcun riferimento a qualche tragedia para-militare del nostro passato, ma limitandosi a evocare il bombardamento di Genova del 1942; quando invece, parlando ai parlamenti di alcuni altri Paesi, ha evocato le rispettive immani tragedie (11 settembre per gli USA, il muro di Berlino per la Germania, le bombe di Hitler per UK, la Shoah per Israele, lo Tsunami per il Giappone), mentre ha quasi supplicato i suoi ascoltatori di inviargli materiale militare per difendersi, e possibilmente per contrattaccare, invocando l’introduzione di una “no fly zone” che impedisse agli arei russi di bombardare e distruggere le principali citta del suo sventurato paese.

Continua la lettura di ZELENSKY E GLI ITALIANI

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza dei cookie. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi