Sgarbi gaffe e granchi: collezione autunno-inverno del sottosegretario alla Cultura

di vittorio emiliani

Scambiare l’Accademia Reale d’Italia voluta da Mussolini con la gloriosa Accademia dei Lincei costituita nel ‘600 da alcuni giovani intellettuali solidali col Galileo del Nuncius Sidereus è già una bella topica per chi vorrebbe essere l’Intellettuale per eccellenza pronto a dare della “capra” ai suoi contraddittori, cioè Vittorio Sgarbi sottosegretario alla Cultura nel governo di destra. Ma non è  la sola della chilometrica fustigazione (con tante gaffes) di un bravo e coraggioso giornalista come Enzo Marzo, già Corriere della Sera in anni migliori ed ora attivo pensionato in Umbria con una sua lettera quotidiana e numerosi interventi di attualità politica. Insomma un animatore politico-culturale come ne vorremmo di più in questo stanco e stravolto Paese e come cerchiamo di essere noi con Italia Libera. Naturalmente Sgarbi non sfugge all’argomentazione tipica del qualunquismo più becero e cioè che “Mussolini fece anche cose buone” e cita, puntualmente smentito da Enzo Marzo, l’Inps che ha le sue prime radici nel solidarismo di fine ‘800, la Treccani anch’essa nata prima e che, lo sottolineiamo noi, durante il fascismo fece lavorare – come la Comit di Raffaele Mattioli – numerosi intellettuali non allineati al fascismo. Accusa di collusione Benedetto Croce che col manifesto da lui promosso tentò invece di opporsi al plebiscito fascista. Fra l’altro a Croce ministro della Cultura nell’ultimo governo prima del fascismo e al suo attivo sottosegretario Giovanni Rosadi si deve la promozione dei due primi Parchi Nazionali e cioè il Gran Paradiso e il Parco Nazionale d’Abruźzo con sede a Pescasseroli dove don Benedetto era nato. Col fascismo la politica dei Parchi si fermò a quello del Circeo per giunta in parte disboscato negli anni ’30. Ma le “perle” sono tante che è arduo citarle tutte. Come quella clamorosa della cultura portata in Abissinia con l’architettura delle case della cultura fascista. Dimenticando che alla posizione d’avanguardia di un Terragni e dei suoi seguaci vi fu la monumentale reazione dell’architetto di regime Marceĺlo Piacentini che è il vero maestro della edilizia e dell’urbanistica mussoliniana. Per non parlare della Via dei Fori Imperiali, inaugurata dal Duce a cavallo, che sacrificò due antiche chiese e una quantità di preziosi resti archeologici documentati in uno scritto di esaltazione dell’allora governatore di Roma Bottai che per fortuna nel ’38 da ministro della Cultura ascoltò i consigli di tecnici antifascisti o non allineati come Argan e Brandi. Ma forse è pretendere troppo dal loquacissimo sottosegretario alla Cultura del governo Meloni specialista in capre.
 
*Riprendiamo volentieri questo editoriale di Vittorio Emiliani pubblicato da “Italia libera”….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.