LA RETE L’ABUSO PROTESTA PER LA SCARZA TRASPARENZA SULLA PEDOFILIA ECCLESIASTICA

COMUNICATO STAMPA – CEI incontra le famiglie. Ma questa volta puzza tanto di bruciato che i media chiamano la Rete L’ABUSO per conferma

Una notizia immediatamente verificata dalle agenzie di stampa, data quella precedente che aveva già all’epoca ha convinto pochi in quanto uscita dopo gli incontri, quindi non certificabile e certo, verissima la privacy, ma il fatto che CEI – al di là del comunicato – non fosse neppure stata in grado di citare quali le circostanze dei fatti dei “presunti ospiti” si trattasse, aveva sollevato qualche più legittimo dubbio.

Naturalmente, a questo giro le domande si sono aggiunte alle precedenti.

Restano anonime come la volta precedente le presunte vittime e le circostanze oltre che i luoghi, ma la domanda dei media questa volta è; come è possibile che la Rete L’ABUSO, infondo unica realtà in sostegno delle vittime del clero nel paese, non sia mai stata mai coinvolta in nessuno di questi fondatamente anonimi incontri della CEI?

Come è possibile che nessuna delle vittime note ed inevitabilmente (in quanto unica in Italia) in contatto con la Rete, sia mai stata chiamata?

L’ultima inevitabile domanda è chi sono questi gruppi, queste famiglie e queste vittime dal momento che in Italia nessuna risulta essere stata chiamata o abbia mai riportato (anche anonimamente) ai media di questi incontri?

Domande non certo scontate che giriamo a Zuppi e alla sua squadra di acchiappa pedofili perche la risposta non solo ci riguarda, ma ci interessa moltissimo, senza il bisogno di fare nomi.

28 feb 2024

Un commento su “LA RETE L’ABUSO PROTESTA PER LA SCARZA TRASPARENZA SULLA PEDOFILIA ECCLESIASTICA”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.