Renzi sempre più servo di tre padroni

di gian giacomo migone

Nei giorni scorsi il senatore Matteo Renzi – dichiaratamente membro di organismi promozionali di Arabia Saudita ed Emirati Arabi che lo retribuiscono generosamente (cfr. le recenti segnalazioni della Banca d’Italia) – ha superato se stesso. Infatti, in un momento delicato dell’elezione presidenziale, ha avuto il becco di opporsi pubblicamente all’elezione dell’ambasciatrice Elisabetta Belloni, invocando obiezioni, peraltro assurde, di ordine istituzionale. Proprio lui che continua a rifiutarsi di scegliere quale stato servire, come gli impone la Costituzione

Auguriamoci che il Senato, a cominciare dalla sua Presidente Casellati, lo obblighi a fare questa scelta, salvaguardando la propria dignità. Per usare una parola cara al Presidente Mattarella! Da parte nostra cerchiamo di rompere il muro di silenzio, con poche crepe, che circonda questo attacco implicito alla nostra democrazia. 

Un commento su “Renzi sempre più servo di tre padroni”

  1. Renzi bisogna scrutarlo per bene in 3D ma la sua spavalda astuzia si é trasformata nel classico pettegolo da salotto…..si un salottiero
    incallito. Se troverà come ed pascià assieme a Brugnaro

Rispondi a Massimo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.