astensione e annullamento

di felice c. besostri

[nella foto: antonio rosati, capogruppo PD alla Camera, autore della riforma della legge elettorale con cui si voterà il 04 marzo. Il Rosatellum, dopo la bocciatura da parte della Corte Costituzionale del renziano Italicum, è una legge confusissima che è stata fatta approvare a forza da Renzi e da Gentiloni con 8 voti di fiducia e che è in odore di incostituzionalità e costruita su misura per favorire il centro destra]

CHI SI ASTIENE FAVORISCE IL ROSATELLUM E LA VITTORIA DELLA “A DESTRA DEL CENTRO” O DEL GRANDE INCIUCIO PD FORZA ITALIA. CHI PROPRIO NON RIESCE A VOTARE PER LE LISTE NON COMPROMESSE COL ROSATELLUM HA UNA SOLA SCELTA FAR ANNULLARE LA SCHEDA CON UN VOTO DISGIUNTO.

Continua la lettura di astensione e annullamento

che c’entra il comunismo con la libertà?

[nella foto: Ivano Marescotti]

Su “MicroMega on line” l’attore Ivano Marescotti, comunista doc, candidato alle ultime Europee per la lista l’Altra Europa con Tsipras, ha deciso di “ingoiare il rospo”: il prossimo 4 marzo andrà a barrare il simbolo del M5S «come argine a Berlusconi, alle destre xenofobe e contro qualsiasi ipotesi di inciucio».

Continua la lettura di che c’entra il comunismo con la libertà?

Prima i diritti – intervista a Franco Grillini

di elena tebano (corriere della sera)

Da oggi Franco Grillini entra a far parte del Comitato di presidenza della Fondazione Critica liberale. Siamo ben lieti di accogliere tra di noi chi da decenni combatte per la laicità, per i diritti umani e soprattutto contro ogni forma di discriminazione. la sua è una figura esemplare di combattente per la libertà degli individui e delle minoranze.
Pubblichiamo una sua intervista al “Corriere della sera” del 10 febbraio 2018

Franco Grillini: «Prima i diritti, ora il tumore: io lotto. Sono più rivoluzionario di Marx»

Il leader di Arcigay: «Quando abbiamo cambiato di notte la stepchild adoption».

Il mieloma Ho preso un medicinale sperimentale, con la dicitura «per motivi compassionevoli»

Quando apre la porta del suo appartamento nel centro di Bologna, tre stanze ingombre di oggetti e ricordi nel palazzo in cui abita da quarant’anni, Franco Grillini, 62 anni, bolognese, presidente onorario di Arcigay, direttore di Gaynews.it, ex deputato (con i Ds nel 2001 e l’Ulivo nel 2006) e memoria storica del movimento lgbt in Italia, ha il passo incerto e il volto smagrito dalla malattia. «Mieloma multiplo, un tumore del midollo osseo, lo sorvegliavo dal 2007 — spiega —. Nel 2016 ho iniziato le cure che però mi hanno stroncato. Ho dovuto prendere un medicinale sperimentale, con una dicitura del Comitato etico dell’ospedale che mi autorizzava “per motivi compassionevoli”. Della serie: più male di così non può fargli».

Continua la lettura di Prima i diritti – intervista a Franco Grillini

invettiva contro il p.l.i., partito liberale italiano

È fatta: un gruppetto di pseudo liberali che si raccolgono sotto il simbolo storico del PLI (Partito Liberale Italiano) si sono venduti per una cucchiaiata di lenticchie alla Lega di Salvini e partecipano alle elezioni direttamente all’interno delle liste di quel partito di estrema destra, xenofobo, razzista, filofascista, che è anche il più antieuropeista d’Italia. Inoltre, ovviamente, assieme alla Lega parteciperanno alla coalizione col partito di un pregiudicato e corruttore, e con i discendenti diretti del fascismo.
 

Continua la lettura di invettiva contro il p.l.i., partito liberale italiano

diritti civili in italia

di vincenzo ferrari

Senza essere mai stato massone, né sveglio né in sonno, vorrei semplicemente osservare che la decisione del M5S di escludere dalle sue liste gli iscritti alla Massoneria si pone in contrasto con i principi costituzionali di uguaglianza fra tutti i cittadini e di libertà di associazione. Se il Movimento andasse al governo, sembrano prefigurarsi scenari inquietanti per i diritti civili in Italia, nell’ottantesimo anniversario delle leggi razziali.

più scuola

NEL NUOVO SITO DI CRITICA LIBERALE DAREMO ANCORA PIU’ SPAZIO AI LETTORI. OLTRE AI SOLITI COMMENTI CHE CI ARRIVANO, PUBBLICHEREMO IN QUESTO SETTORE CENTRALE LE RIFLESSIONI PIÙ APPROFONDITE (ANCHE QUELLE MENO CONDIVISIBILI) CHE CI SARANNO INVIATE SU QUALUNQUE ARGOMENTO, ANCHE SE NON TRATTATO DAL SITO. MA DEVONO ESSERE FIRMATE. QUESTA VOLTA ABBIAMO FATTO UN’ECCEZIONE, PERCHE’ NON AVEVAMO MESSO QUESTA AVVERTENZA. SCRIVERE A info@criticaliberale.it

di francesco

Come non condividere l’ invocazione “scuola scuola scuola scuola”? Quanta ignoranza e quanta maleducazione in giro dappertutto per il Bel Paese. Più scuola farebbe bene un po’ a tutti. Oddio, qualche insegnante fannullone potrebbe preoccuparsi per ulteriori carichi di lavoro a (basso) stipendio invariato, ma non è proprio il caso.

Continua la lettura di più scuola

LA SCOMPARSA DI GIUSEPPE GALASSO. IL SOGNO DI NOI LIBERALI

redazione – giuseppe galasso

Riprendiamo dal “Corriere della sera” dell’8 febbraio l’ultimo articolo dello storico e politico repubblicano Giuseppe Galasso, deceduto oggi. Galasso fu nostro amico e da noi sempre ammirato. Ci impressiona molto, e lo troviamo oltremodo simbolico, che proprio l’ultimo scritto di Galasso sia stato dedicato a un altro grande personaggio del liberalismo italiano del ’900, Mario Pannunzio, di cui ricorre il cinquantesimo della morte. Sul prossimo “nonmollare” li ricorderemo entrambi.

Continua la lettura di LA SCOMPARSA DI GIUSEPPE GALASSO. IL SOGNO DI NOI LIBERALI

troppe promesse di politici demagoghi

di paolo bagnoli

Sul fattoquotidiano.it l’editoriale di Paolo Bagnoli, pubblicato sul numero 13 di “nonmollare”

L’intervento di un ex presidente del consiglio richiede attenzione; di solito c’è sempre qualcosa da imparare. Se questo, poi, è del sapienziale Mario Monti di attenzione ne occorre ancora di più. Intervenendo sul “Corriere della Sera” del 21 gennaio, Monti ha  affrontato una questione seria: la sfrontatezza di una campagna elettorale nella quale tutti promettono tutto e di più a prescindere dalla situazione finanziaria nella quale versa il Paese. Un richiamo giusto anche se – ma se ne possono capire le ragioni –manca ogni giudizio del perché ciò avvenga; ossia l’inadeguatezza di un ceto politico cui non interessa tanto governare il Paese quanto conquistare il governo. Un ceto politico che non è classe politica. Una considerazione che avrebbe dovuto essere doverosa per dare forza al ragionamento; esso, infatti, muove da un’osservazione equivoca dietro la quale subodoriamo una concezione della democrazia un po’ particolare. Ma sono supposizioni nostre.

Continua la lettura di troppe promesse di politici demagoghi

votare è problematico

Nel passaggio tra maggioritario ultrapremiale del porcellum incostituzionale con cui abbiamo “votato “dal 2005 al 2013,al  proporzionale corretto,male,dell’orrido rosatellum, grottescamente disconosciuto anche da chi lo ha imposto, continua a mancare la libertà del voto e una corretta rappresentanza, ostacolata da liste bloçcate, false coalizioni e relative liste civetta, invereconde multicandidature (che alterano il risultato del voto e limitano anche l’elettorato passivo ai predestinati da chi forma le liste). Votare diventa molto problematico.

Continua la lettura di votare è problematico

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza dei cookie. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi