«GIACOMO MATTEOTTI “OGNUNO DI VOI NE È TESTIMONE”» Spettacolo di Dario Leone – Milano, 18 giugno 2024 ore 18:00

«GIACOMO MATTEOTTI “OGNUNO DI VOI NE È TESTIMONE”». (Uno Spettacolo di Dario Leone, con lettura e interpretazione dell’ultimo discorso pronunciato dal deputato socialista alla Camera dei Deputati il 30 Maggio 1924. La regia è di Dario Leone; gli interpreti Dario Leone e Enrico Pittaluga. Le scenografie e le luci sono Massimo Guerci; le musiche di Sara Calvanelli).

Il tutto sarà preceduto da una presentazione storica di  GIOVANNI SCIROCCO, vicepresidente del Circolo e ordinario di Storia Contemporanea all’Università di Bergamo.

La partecipazione è gratuita, ma occorre prenotarsi mandando i propri dati a eventi@lascalaw.it oppure inquadrando il QR-CODE della locandina.

UN VOTO PER MATTEOTTI

di Marco Cianca

 
L’immorale Amerigo Dumini, capo della Ceka, la polizia segreta fascista, guidava i sicari che il 10 giugno 1924 rapirono e uccisero Giacomo Matteotti. Arrestato a causa di prove talmente inoppugnabili che nemmeno il regime poteva occultare, in un processo farsa a Chieti, marzo 1926, difeso da Roberto Farinacci, fu condannato a soli cinque anni di reclusione di cui quattro condonati. Riprese subito la sua vita da avventuriero, tenendo Mussolini sotto ricatto per ottenere continue elargizioni. Allevatore di polli, imprenditore agricolo, oste, contrabbandiere, spia partecipò alla guerra. In Africa gli inglesi, dopo la cattura, lo portarono davanti al plotone d’esecuzione ma, pur raggiunto da “diciassette colpi” (come recita il titolo della sua autobiografia) e dato per morto, riuscì a fuggire. Durante la repubblica sociale organizzò un traffico di automobili, pezzi di ricambio, armi. Si infilò nelle file degli Alleati come autista del comando inglese e in queste vesti fu arrestato il 18 luglio 1945.

Un nuovo dibattimento sull’omicidio di Matteotti, aprile 1947, emise la sentenza di ergastolo. Ma già nel 1953 era fuori per un’amnistia. Rientrato in carcere a causa di un vizio di forma, il 23 marzo 1956 lasciò definitivamente il penitenziario di Civitavecchia. Poco dopo si iscrisse al Movimento Sociale. Non svolse aperta attività politica ma di fatto la fiamma sgorgante dal sarcofago del Duce per uno come lui era un richiamo irresistibile. Quello stesso fuoco arde ancora oggi nel simbolo di Fratelli d’Italia.

Giorgia Meloni, durante la commemorazione dell’ultimo discorso che il deputato socialista pronunciò in Parlamento, quello che per la forza delle denunce contro la violenza e la corruzione, (tema sul quale il governo temeva devastanti rivelazioni a proposito dei contratti con la compagnia petrolifera Sinclair Oil) equivalse ad una condanna a morte, ha onorato “un uomo libero e coraggioso ucciso da squadristi fascisti per le sue idee”. Finalmente è riuscita a pronunciare la parola proibita, hanno rimarcato i benevoli commentatori. In realtà, si è trattato della semplice ammissione di un’incontrovertibile verità storica e giudiziaria.

Continua la lettura di UN VOTO PER MATTEOTTI

USCITO IL N.150 DEL “NONMOLLARE” con il supplemento “GLI STATI UNITI D’EUROPA” n. 43 – SCARICABILE GRATIS QUI e anche su www.ilfattoquotidiano.it –

clicca qui per scaricare il pdf del “NONMOLLARE”
con il supplemento “Gli Stati Uniti d’Europa” n. 43 
e anche su www.ilfattoquotidiano.it – il cerchiobottismo del vaticano: dopo le aperture, si torna alla posizione tradizionale

Sommario NONMOLLARE n. 150
2 giugno 1946
05. mario borsa, “concludendo”
editoriale
07. sergio mattarella, il filo dell’eversione nera
10. giovanni perazzoli, per un vero stato sociale
12. g. p., ancora sul reddito di cittadinanza
l’osservatore laico
14. valerio pocar, un colpo alla botte e un colpo al cerchio
17. raffaello morelli, un impegno per la separazione stato chiesa
19. martina vetritto, pro vita o pro libertate
21. francesca palazzi arduini, meglio spretato che reintegrato?
res publica
22. antonio caputo, un colpo fatale al parlamento
archivio
23. l’inizio della fine – il fallimento del “centro” e l’eterna divisione tra destra e sinistra
25. l’ennesima scissione della “sinistra”
26. astérisque, una rivista di filosofia in movimento
29. comitato di direzione
29. hanno collaborato

SUPPLEMENTO “GLI STATI UNITI D’EUROPA” n. 43
Indice
editoriale
05 – giovanni vetritto, attenzione a votare: nomina e substantia
scelte europee e futuro dell’unione

08 – pier virgilio dastoli, che cosa è in gioco dal 6 al 9 giugno
11 – niccolò rinaldi, l’europa della pace e quella del declino –
due errori nelle narrazioni pre-elettorali
13 – paolo bagnoli, i valori dell’umanesimo moderno
16 – giovanni perazzoli, l’idolo immondo dello stato sovrano
21 – riccardo mastrorillo, una bussola per scegliere il “meno peggio”
28 – angelo perrone, la scelta dei candidati alle elezioni: nodo di democrazia
34 – cambiamo rotta all’europa, un appello per un’europa federale
37 – hanno collaborato

LA LIBERTÀ POLITICA EREDITÀ DELL’ILLUMINISMO – Roma 24 maggio 2024 ore 17.00

LINK REGISTRAZIONE INTEGRALE EVENTO 

 

Ti invitano all’incontro:

LA LIBERTÀ POLITICA EREDITÀ DELL’ILLUMINISMO
il pensiero critico e nuove sfide di libertà
ecologia – nuovi diritti – partecipazione democratica

Presentazione della rivista Asterisque edita da Castelvecchi
di Filosofia in Movimento

Camera dei Deputati (Sala del Cenacolo)

24 maggio 2024 ore 17,00

Saluti istituzionali:
On. Filiberto Zaratti
Segretario di Presidenza della Camera dei deputati

Modera: Enzo Marzo direttore di Critica liberale
ne discutono:
Antonio Cecere (condirettore di Asterisque)
Antonio Coratti (condirettore di Asterisque)
Prisca Amoroso (Università di Bologna)

ingresso: Piazza in Campo Marzio, 42
  Per gli uomini è indispensabile la giacca

per partecipare
è necessario prenotarsi entro mercoledì  22 maggio inviando nome cognome e un recapito a info@criticaliberale.it

50 anni dal referendum sul divorzio

di riccardo mastrorillo

Il 12 maggio di 50 anni fa si svolgeva in Italia il primo referendum abrogativo della storia italiana.

Il referendum si tenne per abrogare la legge Baslini/Fortuna che il 1 dicembre del 1970 aveva introdotto il divorzio in Italia.

Prima di commemorare e rivendicare quella grande vittoria della democrazia e della cultura laica, di cui noi siamo eredi e custodi gelosi e intransigenti, prendiamo atto che le istituzioni, i giornali (con poche encomiabili eccezioni) le televisioni hanno ignorato colpevolmente questa ricorrenza. Continua la lettura di 50 anni dal referendum sul divorzio

L’esorciccia. Giorgia Meloni e l’Artifizio Intelligente.

di Francesca Palazzi Arduini

Che fare, pensa la Presidente del Consiglio, per dare un contentino a Bergoglio? Insomma… sui migranti meglio buttar soldi in Albania che darne ai preti, che poi manco la votano. E poi chissenefrega tanto ormai tutti deportano gente, fan peggio gli inglesi, lo pensa tutto il partito. Sull’interruzione di gravidanza si fa di tutto per accontentarli ma senza scatenare le piazze, le donne. Quindi? Niente, al massimo qualche spiccio del PNRR ma niente più, per mettere uno straccio di camice ai predicatori[1]. Ah sì, anche qualche altro spiccio alle famiglie con figli, ma tanto col costo della vita la toppa dura poco.
E sul Giubileo quanto dovremmo spender ancora, si chiedeva Meloni già nel 2023 in Vaticano, in udienza, da sola, con la figlia e senza marito. Ma che fare per mantenere buoni rapporti, per saldare sacre alleanze?
Sull’uso delle armi non si può fare quel che vuole il “santo padre”, certo, meglio accontentare lui che quei pacifisti che protestano ovunque, calcola Giorgia. In definitiva, se occorre spezzare qualche lancia meglio spezzarla in testa agli studenti del nuovo “no Vietnam” che al papa quando pretende di far diplomazia in giro per il mondo come se avesse ancora uno Stato pontificio. Difficile quindi dare un contentino che si rispetti a Bergoglio.

Continua la lettura di L’esorciccia. Giorgia Meloni e l’Artifizio Intelligente.

Fascista è chi fascista fa

di Carla Bassu

Perché nel 2024 qualcuno in Italia fatica ancora a dichiararsi pacificamente antifascista?

E allora il comunismo? Si sente spesso replicare. Che problema c’è ad ammettere che i regimi comunisti, dall’Unione sovietica in poi, hanno fallito nell’ideale dichiarato, avvilendo le libertà individuali e risultando incompatibili con il modello di democrazia costituzionale.

La democrazia, pur imperfetta e piena di contraddizioni, è la migliore tra i sistemi di governo sperimentati finora e si pone in netto contrasto con i dettami del fascismo e del socialismo reale.

Continua la lettura di Fascista è chi fascista fa

Il 25 aprile, ai tempi d’oggi

di Angelo Perrone

Ogni volta è un momento di riflessione, da qualche tempo è diventato motivo di discussione. Persino di contestazione. Tra il compiacimento di pochi, purtroppo al potere, e lo stupore di tanti. Sono per fortuna la maggioranza: coloro che sanno e non dimenticano. Questo, ed altro, è il 25 aprile.
La Storia e la coscienza assicurano che la data, che segna la caduta del fascismo, rappresenti una svolta decisiva e irreversibile, dagli effetti profondi e non più ritrattabili. E, nello stesso tempo, che proprio l’antifascismo debba porsi alla base di quanto avvenuto dopo, esserne il principio ispiratore. Costituire la guida di ciò che tuttora dà alimento e sostanza alle nostre vite, in atteggiamenti pubblici, sensibilità individuali e norme di comportamento.
Si racconta, soprattutto, che quel momento sia fondativo della Repubblica, una pietra angolare su cui si regge la costruzione dello Stato e la vita collettiva, come prefigurata dalla Costituzione, un compendio di regole esemplare per significati e implicazioni.
Verrebbe da credere a tutto ciò e da confidare in simile missione, conquistati ancora oggi, nonostante tante disillusioni, dalla grandezza del disegno e dalla lungimiranza degli scopi.
Sarebbe anche utile pensare, per la nobiltà degli intenti che lo sovrastano, che il destino, immaginato da quanti presero parte alla Resistenza in nome di un’Italia libera e democratica e che poi ne forgiarono le regole supreme, corrisponda in pieno al futuro, un’anticipazione di ciò che sarà di noi domani. E tutto questo senza scarti, correzioni e distinguo.
Ma il presente è ingombro di troppe nuvole grigie, non appare affatto rassicurante, anzi integra cattivi auspici. Sarebbe improvvido non rilevarlo. Nessuna costruzione, anche la più radicata, può dirsi al riparo dai venti avversi, quando sono insistenti, pervicaci e devastanti. Il rischio è che, di fronte al pericolo, le convinzioni più salde smarriscano l’orizzonte e scadano nella retorica inoperosa.

Il referendum anti-Rosatellum

di Paolo Pagliaro

Felice Besostri, il giurista socialista che per le sue iniziative contro
lo strapotere delle nomenklature si era guadagnato il titolo di “difensore degli elettori”, è morto nel gennaio di quest’anno lasciando in eredità un’ultima battaglia, il referendum contro l’attuale legge elettorale chiamata Rosatellum, dal nome del suo proponente Ettore Rosato.

Questa legge, approvata nel 2017, toglie di fatto agli elettori e assegna ai partiti il potere di nominare i parlamentari. Il nostro sistema politico – osservava Besostri – da tempo non è più fondato sul consenso, sul legame sociale tra elettore ed eletto quanto piuttosto sul rapporto fiduciario tra nominante e nominato. Un rapporto tra pochi che restringe il campo del dialogo sociale, crea di fatto una oligarchia e provoca il fenomeno dell’astensionismo, che è da anni la scelta più popolare, come si è visto in queste ore anche in Basilicata.

La situazione è destinata a peggiorare se andrà in porto la riforma costituzionale proposta da Giorgia Meloni, che prefigura una sorta di dittatura della maggioranza relativa.

Martedi 23 aprile a Montecitorio il Comitato promotore del referendum per l’abrogazione parziale delle attuali leggi elettorali hanno presentato i quesiti a cui hanno lavorato – con Besostri – Paolo Antonio Amadìo, Sergio Bagnasco e l’ex senatore liberale Enzo Palumbo. Contestualmente si darà il via alla raccolta delle firme. Trattandosi di un’iniziativa contro lo strapotere delle piccole consorterie che governano i partiti non c’è da attendersi che da questi ultimi venga un sostegno al referendum, né che se ne parli in campagna elettorale. I promotori puntano sulla residua capacità dell’informazione di dettare almeno in parte l’agenda.

(fonte © 9Colonne)
 

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza dei cookie. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi